CCNL metalmeccanici artigiani congedo matrimoniale

Il congedo matrimoniale nel settore metalmeccanici artigiani č disciplinata dall articolo 83 del CCNL Conflavoro PMI-CILS 30 aprile 2012.

Art.83: Congedo matrimoniale

Operai

In caso di congeso matrimoniale compete al lavoratore e alla lavoratrice non in prova, un congeso matrimoniale di 15 giorni consecutivi remunerati con la retribuzione di fatto (pari a 80 ore) comprensiva di quanto corrisposto dall'INPS.

Il congedo matrimoniale di cui sopra non potrà essere computato nel periodo delle ferie annuali, nè potrà essere considerato in tutto o in parte, come periodo di preavviso di licenziamento.

La richiesta del congedo deve essere avanzata - salvo casi eccezionali - dall'operaio con un preavviso di almeno 6 giorni.

La celebrazione del matrimonio dovrà essere documentata entro 30 giorni successivi all'inizio del periodo di congedo.

Impiegati

In caso di matrimonio compete agli impiegati e alle impiegata non in prova un periodo di congedo matrimoniale di 15 giorni consecutivi durante il quale l'impiegato è considerato a tutti gli effetti in attività di servizio.

Il congedo matrimoniale non potrà essere computato nel periodo di ferie annuali, nè potrà essere considerato quale periodo di preavviso di licenziamento.

La richiesta di congedo dovrà essere avanzata daglia aventi diritto con un preavviso di almeno 6 giorni dal suo inizio, salvo casi eccezionali.

Il congedo matrimoniale è altresì dovuto all'impiegato che si dimetta per contrarre matrimonio. Ill congedo matrimoniale spetta ad entrambi i coniugi quanto l'uno e l'altro ne abbiano diritto.

L'impiegato dovrà presentare alla ditta il certificato di matrimonio entro 60 giorni dall'inizio del congedo.

Normativa generale sul congedo matrimoniale

L’assegno per congedo matrimoniale, per il dipendente che presta la propria opera in alcuni periodi o giorni della settimana, spetta solo per i giorni in cui, contrattualmente, era prevista la sua presenza lavorativa.

Nel caso di più rapporti di lavoro l’assegno è dovuto da ciascun datore di lavoro per la quota corrispondente alla prestazione che il lavoratore avrebbe dovuto effettuare nel periodo di congedo.

Dopo l’entrata in vigore della legge 30 aprile 1969, n. 153, quanto erogato per congedo matrimoniale è considerato retribuzione ed è pertanto soggetto sia ai contributi assicurativi e previdenziali che alle imposte fiscali.

Per i dipendenti aventi la qualifica di operai il periodo di assenza per congedo matrimoniale è posta, nel limite di 7 giorni, a carico dell’INPS, e per la differenza a carico del datore di lavoro.

La quota di pertinenza dell’INPS è soggetta al particolare trattamento contributivo, mentre l’integrazione erogata dal datore di lavoro deve essere assoggettata, secondo la legge 153/1969, ai normali contributi assicurativi e previdenziali.

Ambedue le quote sono inoltre soggette alle trattenute fiscali.



CCNL metalmeccanici artigiani

Come si legge un Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro

Mini guide per il consumatore on-line


Home page MC2 E-Learning



Dr.Maurizio Cucchiara

Amministratore unico
MC2 E-Learning S.a r.l.
Formazione per il Web
autore del corso:
"VBA Corso Base"
disponibile on line su questo sito
http://www.mc2.it/html/vba.html

Condividi sui social network:

Social buttons



Iscriviti al nostro
nuovissimo
canale Youtube!


Iscrivi al nostro canale Youtube



Potrai restare aggiornato
sui nostri piů recenti
video-tutorial su:
Microsoft Access ed Excel
e molto altro...



Cerca sul web con Google:






Iscriviti alla newsletter: E' GRATIS! (?)

 Nome: (?)

 (?)

e-mail: (?)

 (?)

Newsletter:

formato preferito:

Microsoft Access (?)

Impariamo Excel e il VBA(?)

Internet "da zero"! (?)

Html (?)

Consiglio

(?) = Aiuto

Leggi qui la Informativa completa sulla privacy.