Usare la carta di credito per gli acquisti on line

Usare la carta di credito per gli acquisti on line non necessariamente rischioso, basta osservare alcuni ben precisi accorgimenti.

Nei pagamenti via Internet con carta di credito il rischio di frode ricade sul negoziante.

Il titolare della carta è in una botte di ferro, a patto, però, che tenga gli occhi ben aperti: periodicamente bisogna controllare l'estratto conto della carta e contestare tempestivamente gli eventuali addebiti per spese effettuate in modo fraudolento da terzi.

Come previsto dall' articolo 8 della legge sul commercio elettronico (n.185 del 1999) , ripreso dall'articolo 60 del Codice del Consumo, in caso di frode sono il commerciante e l'ente emittente ad avere la peggio.La società emittente riaccredita infatti sul conto del cliente l'importo contestato, prelevandolo nella maggior parte dei casi da quello del negoziante.

Attenzione, però: la tutela del consumatore è una cosa, la sicurezza assoluta un'altra.

Nei pagamenti in rete non c'è ancora la matematica certezza di evitare truffe: la crescente diffusione dello shopping online è infatti andata di pari passo con l'aumento delle frodi.Dato che le transazioni non basate sulla presenza fisica della carta richiedono solo che si comunichi un numero e una data di scadenza, non si è mai sicuri che chi la utilizza sia davvero il titolare. Però, ripetiamolo: quest'ultimo è comunque tutelato dalla legge.

Tra le misure per aumentare la sicurezza delle transazioni via Internet, soprattutto quella di esercenti ed emittenti, va inserita Bankpass Web, iniziativa creata dell'Abi (Associazione bancaria italiana).

Si tratta di uno strumento a pagamento che viene reclamizzato come un sistema che permette di comprare online senza correre rischi.

Quando si acquista non serve digitare il numero della propria carta di credito; in più i pagamenti via Internet possono essere fatti anche con il Pagobancomat.

Per usufruirene bisogna essere correntisti di una delle banche che aderiscono all'iniziativa (vedi elenco completo a questo indirizzo: www.bankpass.it) e avere già uno strumento di pagamento (carta di credito o pagobancomat). Il servizio ha un canone annuale che varia a seconda della banca con cui si aderisce a Bankpass Web: solitamente si aggira intorno ai 15-20 euro all'anno, con punte minime inferiori a 3 euro e massime di 25 euro.
Bankpass Web non è l'unico strumento in questo senso: 3D Secure è una tecnologia già operativa negli Usa, che sta prendendo piede anche in Europa (l'Italia è in ritardo).

Si tratta di un meccanismo di autenticazione del pagamento, studiato da Visa e adottato anche da Mastercard.

In pratica questo sistema richiede alla banca emittente di constatare, con un controllo incrociato, che la persona che effettua il pagamento online coincida con il legittimo titolare della carta di credito.

La transazione è quindi garantita per l'esercente, anche nel caso in cui venga contestata: la responsabilità in caso di uso fraudolento della carta si trasferisce alla banca emittente, responsabile del controllo.

Per il cliente non cambia nulla: è già tutelato dalla legge.Sistemi di difesa: solo se gratuiti

Se gratuiti possono essere sfruttati, altrimenti non ne vale la pena: sono gli strumenti di certificazione che tutelano soprattutto commercianti ed enti eminenti.

Verifled by Visa e Secure Mastercard. Nell'ambito della tecnologia 3D Secure si sono sviluppate due procedure legate ai circuiti di pagamento Vlsa e Mastercard.

In Verifled by Visa rientrano tutti gli ordini di pagamento disposti dai titolari di carte di credito del circuito omonimo

Grazie a questa garanzia al negoziante non sarà riaddebitato l'importo dell'ordine nel caso in cui la spesa sia contestata dal titolare della carta:

il rischio viene trasferito a Visa, responsabile di aver autorizzato I pagamenti.

La garanzia non vale se la spesa viene contestata per merce difettosa, non ricevuta, errori nell'importo addebitato, difformità tra il prodotto ordinato e quello che è arrivato a casa.

Per aderire a questo sistema bisogna rivolgersi alla propria banca.

Il servizio è gratuito: in Italia, al momento, solamente Deutsche bank offre questa possibilità, con le carte Bankamericard.

Un'altra procedura di identificazione è rappresentata da Secure Mastercard, valida sia per carte Mastercard sia per quelle Maestro.

Il funzionamento è simile a quello di Verified by Visa, ma al momento non risultano banche italiane aderenti a questo servizio.Bankpass Web.

Al momento dell'adesione la banca consegna al cliente i codici dl sicurezza con cui cui si accede al proprio portafoglio elettronico e si possono fare acquisti presso gli esercizi convenzionati (l'elenco è sul sito www.bankpass.it ).

Si può usare Bankpass Web anche sui siti di esercizi non convenzionati, visto che il servizio permette dl creare una carta di pagamento usa e getta per una singola transazione, al posto di quella reale.

In caso di furto o smarrimento dei codici di sicurezza il titolare di Bankpass deve chiedere immediatamente Il blocco del servizio attraverso un numero verde ed entro due giorni lavorativi dal blocco deve dare conferma del blocco alla banca.

Il titolare, se non ha agito con colpa grave o in maniera fraudolento, rimane responsabile, fino al momento della comunicazione del furto o smarrimento, delle spese effettuate fino a un massimo di 150 euro.

Altri sistemi di autenticazione.

Alcuni siti di vendita online richiedono ai propri clienti il cosidetto CVC2 (Card Validation Code 2) o CW (Card Verification Value), formato dalle ultime tre cifre del numero riportato sulla striscia riservata alla firma, localizzata sul retro della carta di credito. In questo modo è possibile verificare che la carta di credito sia valida, che non sia bloccata e che non si superi il limite di acquisti previsto.

Ti potrebbero anche interessare:


Come scegliere la carta di credito

A cosa fare attenzione prima di acquistare on line

Carta di credito prepagata

Carta di credito rateale

Cosa fare se perdi il bancomat o la carta di credito

I Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC)

Torna a:




In questa sezione vedremo più in dettaglio i seguenti articoli:

Carta di credito rateale

La carta di credito rateale o carta di credito revolving non altro che una normale carta di credito la quale consente di pagare a rate il saldo dell'estratto conto mensile.

Carta di credito prepagata

Le carte prepagate ricaricabili consentono anche a chi non ha un conto corrente bancario o postale di avere una tessera elettronica per ritirare contanti dagli sportelli Atm o fare acquisti nei negozi e su Internet.


Mini guide per il consumatore on-line


Home page MC2 E-Learning



Dr.Maurizio Cucchiara

Amministratore unico
MC2 E-Learning S.a r.l.
Formazione per il Web
autore del corso:
"VBA Corso Base"
disponibile on line su questo sito
http://www.mc2.it/html/vba.html

Condividi sui social network:

Social buttons



Iscriviti al nostro
nuovissimo
canale Youtube!


Iscrivi al nostro canale Youtube



Potrai restare aggiornato
sui nostri pi recenti
video-tutorial su:
Microsoft Access ed Excel
e molto altro...



Cerca sul web con Google:






Iscriviti alla newsletter: E' GRATIS! (?)

 Nome: (?)

 (?)

e-mail: (?)

 (?)

Newsletter:

formato preferito:

Microsoft Access (?)

Impariamo Excel e il VBA(?)

Internet "da zero"! (?)

Html (?)

Consiglio

(?) = Aiuto

Leggi qui la Informativa completa sulla privacy.